Ven20Ott10202320:45

Telepathy

scritto da Francesco Tesei e Deniel Monti
regia di Francesco Tesei

In quanto mentalista, Francesco Tesei ha sempre provato a "leggere il pensiero" delle persone, una capacità spesso descritta con la parola Telepatia.

 

Il periodo che stiamo vivendo, però, ha imposto il concetto di distanziamento sociale come assoluta priorità.


È quindi particolarmente importante, ed attuale, tornare al significato etimologico della parola: Tele-Pathos, che significa - dal greco - “passione condivisa a distanza”.


Con questo nuovo spettacolo, figlio del momento che stiamo vivendo, il mentalista spera di accorciare le distanze tra le persone, tornando a giocare con interazioni fondate sulle parole ma anche su gesti, azioni, respiri e sorrisi.


Per gettare la maschera, vivere emozioni reali e non virtuali, e costruire assieme alla partecipazione attiva del pubblico qualcosa che potremmo definire con un neologismo: telempatia.


Nessun potere sovrannaturale o paranormale, dunque, ma solo il desiderio e il bisogno di ricominciare a condividere esperienze tipicamente umane, come la meraviglia e lo stupore, in maniera empatica.

 

In Telepathy, Tesei incarna la fragilità della condizione dell’uomo in relazione al contesto attuale, approcciando il tema in maniera trasversale ed allegorica attraverso continui riferimenti ad un personaggio fondamentale della drammaturgia: l’Amleto, riflesso e simbolo dell’incertezza di un’epoca altrettanto sospesa tra un “prima” e un “dopo”.

 

Io potrei viver confinato
in un guscio di noce,
E tuttavia ritenermi signore
d’uno spazio sconfinato.

 

Come tutti noi, anche Amleto è smarrito e confuso. Anche impaurito, forse. Agli occhi degli altri personaggi Amleto sembra impazzito, ma solo perché l’uso sistematico e coraggioso del suo pensiero appartiene quasi completamente al domani, e per questo sembra rivolgersi a tutti noi. Soprattutto ai giovani del nostro presente, ai quali è affidato il compito di rimettere in sesto un mondo che è, come lo descriverebbe Amleto, Out of joint, cioè “fuori squadro”.


Allo stesso modo, anche il mentalista deve trovare nuove risorse per ricominciare, dopo mesi di “isolamento” che sembrano aver messo a dura prova la sua stessa mente e il suo spirito. Appare infatti a tratti quasi delirante e dissennato, eppure - come dice Polonio riferendosi ad Amleto - “Sebbene questa sia pazzia, c’è però del metodo”.

 

Sito web: www.ilmentalista.com

 

Biglietti

Categoria 1: CHF 71.00
Categoria 2: CHF 66.00

 

Prevendita a partire dai mesi prossimi su www.biglietteria.ch

 

Spettacolo organizzato da Marangoni Spettacolo www.marangonispettacolo.it

Associazione Amici del Teatro di Locarno
Via della Pace 5, CP 35
CH-6600 Locarno
Tel. +41 (0)91 756 10 93
Fax 091 756 10 90
info@teatrodilocarno.ch

Seguiteci anche su

Facebook Instagram

© Teatro di Locarno - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy - Credits

Torna su